Cerca un cantiere o un modello

      
  Sono presenti sul sito 58 visitatori
  Barche a vela (196) , a motore (375)
   
  Ultime imbarcazioni inserite
  Imbarcazioni a vela
  Imbarcazioni a motore
  Comprare o vendere una barca
  Divise per cantieri
  Inserire un'imbarcazione
  Check List
  Directory Nautica
  Biografie
  Storia, geografia e fantasia
  L'Arte di navigare
  Sulle imbarcazioni
  Normative
  Meteo
  Archivio fotografico
  Video imbarcazioni
  Archivio vela
  Archivio motore
  Recensioni
  Tools
  Disclaimer
 
 

L'arte di navigare

   
   
 

Author Alessio Floris


About:
Vendere o comprare barche d'occasione è come andare per mare: tutto deve essere chiaro e ben visibile. Più di venticinque anni di esperienza nel settore della vendita imbarcazioni mi hanno confermato che solo la trasparenza può garantire la felice conclusione di una compravendita.
  Alessio FlorisMi occupo di vendita imbarcazioni con passione e chiarezza, una chiacchierata e un parere possono essere d'aiuto subito e allo stesso tempo mettere le basi di una futura collaborazione. Mi sono occupato in questi anni di tutti gli aspetti della vendita imbarcazioni raggiungendo un conoscenza completa del settore, sia si tratti di imbarcazioni a vela che di imbarcazioni a motore.
  Un consiglio: prova la vita di bordo prima di comprare una barca puoi  se vuoi noleggiarla insieme alla tua famiglia o ai tuoi amici.
Home page del sito AFYACHT Vendita imbarcazioni da diporto usate Imbarcazioni a motore usate Imbarcazioni a vela usate Inserisci la tua imbarcazione Contatta AFYACHT

 

FARI MARITTIMI

Sono costruzioni sulla costa per quanto possibile cospicuo e in ogni caso rilevabile dal mare sia di giorno sia di notte.
I fari possono essere eretti sul litorale, sulle alture poco distanti dal mare, su scogli, su isolotti e in mare su bassi fondali.
Capo SandaloIl faro marittimo è costituito da una struttura fortemente sviluppata verticalmente (torre) sormontata da una lanterna nella quale sono sistemate le apparecchiature ottico luminose.
Per renderlo visibile e riconoscibile di giorno, la costruzione è dipinta con colori che lo fanno risaltare rispetto la costa circostante (bianco, nere a strisce bianche e nere orizzontali ecc.).
Per renderlo visibile e riconoscibile di notte esso emette lampi luminosi secondo un periodo predeterminato chiamato caratteristica del faro.

Il numero e la durata dei lampi di luce che in determinati periodi di tempo, contraddistinguono ciascun faro, sono ottenuti:

  • nei fari con maggior portata luminosa dalla rotazione dei fasci luminosi emessi da ottiche rotanti a pannelli lenticolari, nelle quali la sorgente luminosa è sempre accesa;
  • nei fari con minor-portata luminosa, dalla successione, di accensione e spegnimenti della sorgente luminosa collocata nel fuoco di un'ottica fissa.

Capo CacciaLe luci dei fari sono sempre di colore bianco e le portate nominali con media trasparenza atmosferica, sono maggiori di 15 mg.

Le funzioni dei fari marittimi sono quelle di facilitare, per i naviganti, l'atterraggio nei punti costieri di destinazione, con i fari dotati di ottiche rotanti, aventi le massime portate nominali, fornire punti sicuri di riferimento per la verifica della navigazione con rotte d'altura.


ELENCO DEI FARI E SEGNALI DA NEBBIA

Di notte le luci emesse dai fari, dai battelli-fanale, dai fanali e dalle boe e mede luminose, definiscono in modo semplificato e piuttosto preciso la costa, a tal punto che gli atterraggi sono spesso più facili di notte che di giorno.Capo BellavistaLa posizione e le caratteristiche dei segnali luminosi sono riportate in tutti i loro dettagli nell’Elenco dei fari e segnali da nebbia dell’I.I.M.M. (I.I.3134). Sulle carte essi sono rappresentati da gocce colorate (color magenta) e descritti in modo sommario.

Ogni segnalamento luminoso è caratterizzato dal suo colore, dal tipo, dalla fase e dal periodo.

Colore
Bianco, rosso, verde. Talvolta vengono usati altri colori ma soltanto all’interno dei porti e dei fiumi.
Tipo
I principali sono: a luce fissa, a lampi. A luce intermittente, a luce scintillante.
A luce fissa: luce continua d’intensità costante.
A lampi: i tempi di luce, detti lampi, sono molto più brevi dei tempi d’oscurità.
A luce intermittente: i tempi d’oscurità, detti eclissi, sono molto più corti dei tempi di luce.
A luce scintillante: luce isofase (con luce e oscurità di durata uguale) a frequenza elevata (più di 60 periodi in Italia).
Fase
La suddivisione dei tempi di luce e di oscurità dà la fase del faro.
Nei fari a luce intermittente, ad esempio, si hanno tre tipi di fasi.
I tempi di luce tra le eclissi sono sempre della stessa durata. Il faro è detto regolare, è un faro a una eclisse.
Le eclissi, separate da brevi tempi di luce, sono raggruppate in gruppi di due, tre o quattro con un intervallo di luce più lungo separa da questo gruppo l’eclissi isolata.
Il principio è lo stesso per le luci a lampi.
Periodo
Il periodo è l’intervallo di tempo entro il quale si svolge l’intero ciclo della caratteristica del segnalamento. Per esempio se il periodo di un faro è di 12 sec. questi si possono contare:dalla prima eclissi del gruppo di tre alla prima eclissi del medesimo gruppo che segue; oppure:dall’eclissi isolata alla eclissi isolata seguente, ecc.

RICONOSCERE UN FARO

Con visibilità buona i fari danno una indicazione precisa e inconfondibile.
Per identificare un faro, bisogna osservarlo con obiettività e determinare per prima cosa, il più serenamente possibile, le sue caratteristiche.
Il colore è in linea di principio, evidente. Tuttavia con foschia i fari a luce bianca possono apparire rossastri.MilazzoIl tipo della luce appare senza equivoci quando si tratta di un faro a lampi o i uno scintillante. Alcuni fari a luce fissa possono essere confusi con le luci della città. Certi fari a luce intermittente hanno l’aria di essere isofase e viceversa. Per determinare la durata rispettiva dei tempi di luce e di eclissi il mezzo migliore è quello di contare mentalmente (secondo il proprio ritmo personale, ma di preferenza abbastanza rapidamente affinché il conteggio risulti regolare).
La fase della luce si trova contando nello stesso modo la durata delle eclissi (per un faro a lampi) o delle luci (per un a faro a luce intermittente).
E’ raro che si debba determinare il periodo ( in quanto, di solito, c’è stata la cura di evitare che, nella medesima zona, due fari differiscano solo per il periodo). Se occorre togliersi un dubbio si calcola il periodo contando in secondi (il contare dicendo A1, A2, A3, ecc. dà, in generale, una sufficiente precisione), oppure si utilizza un cronometro.

Quando si sono così determinate le caratteristiche del faro, si può cercarne il nome. E’ buona regola fare poi dei controlli (posizione rispetto ad altri fari, rilevamenti) per ottenere la conferma definitiva.
In particolare, l’indicazione della portata luminosa dei fari segue spesso delle regole secondo i paesi. Così, per i fari inglesi essa corrisponde alla distanza alla quale sei può avvistare il faro con una visibilità meteorologica di 10 miglia. Il libro dei fari francese riproduce, senza adattarle al sistema francese, le indicazioni dei documenti originali.
La portata luminosa del settore bianco di un certo faro è di 13 miglia. Ma sotto questa cifra se ne trova un’altra: 12. Questa indica la portata geografica del faro, cioè la distanza massima alla quale il faro può essere visto sopra l’orizzonte apparente. La portata geografica è indicata quando è inferiore alla portata luminosa.
La portata geografica dipende dall’altezza della marea e dall’altezza dell’occhio dell’osservatore (la quale dipende a sua volta dalla statura dell’osservatore e dalla misura della sua barca).
Una tabella, all’inizio dell’libro, permette di apportare le dovute correzioni all’altezza dell’occhio dell’osservatore sul livello di riferimento.
L’elenco fornisce poi la descrizione della struttura che sorregge la sorgente di luce, e la sua altezza del suolo. Descrizione assai utile: di giorno, i fari sono degli ottimi punti cospicui. Essa evita anche che si cerchi una torre là dove la sorgente luminosa è collocata nel solaio d’una casa o sulla cuspide di un campanile.
Nell’ultima colonna si passa ai dettagli. La scomposizione delle differenti fasi del faro è spesso complicata: la descrizione dei settori e dei loro limiti è però molto importante.
Attenzione: i settori sono indicati dal mare, cioè i valori indicati sono quelli che rileva il navigante.
Nell’ultima colona sono anche fornite, secondo i casi, le informazioni riguardanti i segnali da nebbia, i radiofari, la sorveglianza dei fari.

AGGIORNAMENTO

Quando si acquista un ELENCO DEI FARI E SEGNALI DA NEBBIA, questo documento è obbligatoriamente accompagnato sia da un fascicolo di correzioni, sia da una busta contenente un fascio di fogli di rimpiazzo (fogli mobili). Nel primo caso, si sostituiscono puramente e semplicemente le pagine scadute con quelle nuove. Nel secondo caso, si tagliano e si incollano al loro posto le correzioni (non senza aver cancellato prima il testo scaduto). Per tenere in seguito l’opera aggiornata, bisogna procurarsi un fascicolo di correzioni Avviso ai naviganti che viene pubblicato con cadenza quindicinale.

FARI PARTICOLARI

Accanto ai fari normali esiste un certo numero di fari di tipo particolare e tra questi:
I fari direzionali, nell’asse di un canale. Questi fari hanno un fascio stretto e hanno intensità maggiore al centro che sui lati.
I fari ausiliari, montati sulle stesse strutture del faro principale che indicano un pericolo particolare o un passaggio. Questi segnali sono di potenza minore per essere visti solo da vicino.
Si possono ancora citare i fari alternati, che presentano delle colorazioni successive differenti nella stessa direzione; i fari aeronautici, spesso occasionali, che generalmente emettono una lettera dell’alfabeto Morse. Infine, certi fari a settori che da un settore all’altro non cambiano di colore ma di fase

 

                         

   
   
Home Email Disclaimer
Copyright © 2007 AFYACHT All rights reserved.